mercoledì 7 marzo 2012

Ivan Lendl, la volontà è racchetta

il tennista Ivan Lendl
Il primo grande tennista della "classe operaia", Ivan Lendl. Ha vinto tutto. Gli è mancato solo Wimbledon "per colpa di mostri erbivori".

di Luca Ferrari, ferrariluca@hotmail.it
giornalista/fotoreporter – web writer

Almeno una volta li ha messi tutti in riga: Jimmy Connors, Bjorn Borg, John McEnroe, Mats Wilander, Boris Becker, Stefan Edberg, Andre Agassi e Pete Sampras, solo per citare i nomi più noti delle generazioni che Ivan il terribile ha affrontato e battuto. 

Nella sua carriera ha conquistato trofei su trofei. Gli è mancato solo Wimbledon. Non si può fargliene una colpa. Il suo gioco a rete era quello che era, e dall’altra parte della rete ha sempre incontrato erbivori di razza. Ladies and gentleman, Mr Ivan Lendl, 52 candeline oggigiorno. 

Nella sua straordinaria carriera ha vinto 94 tornei ATP di cui otto prove del Grande Slam: tre Roland Garros (‘84, ‘86-87), tre US Open (‘85-87), due Australian Open (’89-90). Tra le sue imprese più epiche, la conquista per quattordici anni consecutivi (1980-93) di almeno un torneo ATP e le nove finali una dietro l’alta (1980-88) al Masters di New York, vincendo cinque edizioni.

Ivan Lendl, una vita sui campi da tennis. Poi la racchetta accantonata per la più rilassante mazza da golf e ora tornato nel circuito ATP Champions Tour per dare ancora un saggio delle sue bordate e i suoi passanti precisi. Ma non è certo finita qui. Dal 2012 Lendl è diventato il nuovo coach dello scozzese Andy Murray

Andy l’incompleto. Andy l’eterno secondo. Andy desideroso di battere i suoi diretti avversari, a cominciare dal numero 1 del mondo Novak Djokovic passando per Roger Federer e Rafale Nadal. Andy ancora alla ricerca della prima prova del Grande Slam. E chissà che il suo primo successo non arrivi proprio sull’erba londinese lì dove il suo neo-coach ha solo vissuto illusioni e mai gioie.

Roland Garros 1984, Ivan Lendl vs. John McEnroe

Ivan Lendl con il trofeo del Roland Garros
Andre Agassi e Ivan Lendl
Ivan Lendl

Nessun commento:

Posta un commento