lunedì 31 agosto 2015

WTA Tour, tutte le regine del 2015

Flavia Pennetta trionfa agli US Open
Viaggio nel circuito WTA 2015, alla scoperta chi ha vinto cosa. Dall'infuocato cemento australiano fino al collega "sotto coperta", passando per la terra rossa e la sempre più rara erba.

di Luca Ferrari

Tre prove del Grande Slam su quattro per l'indiscussa numero 1 del mondo, l'americana Serena Williams. Per le altre, solo briciole. Eppure il 2015 sarà ricordato anche per l'epica finale tutta italiana agli US Open con vittoria di Flavia Pennetta su Roberta Vinci, capace quest'ultima di eliminare in semifinale proprio lei. La regina WTA.

Alla scoperta dunque di tutte le finali del circuito WTA

gennaio
Brisbane International (hard) - Sharapova b. Ivanovic 67 63 63
Shenzhen Open (hard) - Halep b. Bacsinszky 62 62
ASB Classic (hard) - V. Williams b. Wozniacki 26 63 63
Apia International Sydney (hard) - Kvitova b. Pliskova 76 76
Hobart International (hard) - Watson b. Brengle 63 64
Grande Slam AUSTRALIAN OPEN (hard) - 
                                  S. WILLIAMS b. SHARAPOVA 63 76

febbraio
BNP Paribas Fortis Diamond Games (hard) - Petkovic b. Suarez Navarro rit.
Dubai Duty Free Tennis Championships (hard) - Halep b. Pliskova 64 76
Qatar Total Open (hard) - Safarova b. Azarenka 64 63

marzo

Abierto Monterrey Afirme (hard) - Bacsinszky b. Garcia 46 62 64
BMW Malaysian Open (hard) - Wozniacki b. Dulgheru 46 62 61
BNP Paribas Open (hard) - Halep b. Jankovic 26 75 64
Miami Open (hard) - S. Williams b. Suárez Navarro 62 60

aprile
Family Circle Cup (clay) - Kerber b. Keys 62 46 75
Katowice Open (hard) - Schmiedlova b. Giorgi 64 63
Claro Open Colsanitas (clay) - Pereira b. Shvedova 76 61
Porsche Tennis Grand Prix (clay) - Kerber b. Wozniacki 36 61 75
GP SAR La Princesse Lalla Meryem (clay) - Svitolina b. Babos 75 76
J&T Banka Prague Open (clay) - Pliskova b. Hradecka 46 75 63

maggio

Mutua Madrid Open (clay) - Kvitova b. Kuznetsova 61 62
Internazionali BNL d'Italia (clay) - Sharapova b. Suárez Navarro 46 75 61
Internationaux de Strasbourg (clay) - Stosur b. Mladenovic 36 62 63
Nürnberg Versicherungscup (clay) - Knapp b. Vinci 76 46 61
Grande Slam ROLAND GARROS (clay) - 
                                S. WILLIAMS b. SAFAROVA 63 67 62

giugno

Aegon Open Nottingham (grass) - Konjuh b. Niculescu 16 64 62
Topshelf Open (grass) - Giorgi b. Bencic 75 63
Aegon Classic Birmingham (grass) - Kerber b. Pliskova 67 63 76
Aegon International Eastbourne (grass) - Bencic b. Radwanska 64 46 60
Grande Slam WIMBLEDON (grass) - 
                                   S. WILLIAMS b. MUGURUZA 64 64

luglio

BRD Bucharest Open (clay) - Schmiedlova b. Errani 76 63
Collector Swedish Open (clay) - Larsson b. Barthel 63 76)
Nurnberger Gastein Ladies (clay) - Stosur b. Knapp 36 76 62
TEB BNP Paribas Istanbul Cup (hard) - Tsurenko b. U. Radwanska 75 61
Baku Cup (hard) - Gasparyan b. Tig 63 57 60
Brasil Tennis Cup (clay) - Pereira b. Beck 64 46 61
Jiangxi Women's Tennis Open (hard) - Jankovic b. Chang 63 76

agosto

Bank of the West Classic (hard) - Kerber b. Pliskova 63 57 64
Citi Open (hard) - Stephens b. Pavlyuchenkova 61 62
Rogers Cup (hard) - Bencic b. Halep 76 67 30 rit.
Western & Southern Open (hard) - S. Williams b. Halep 63 76
Connecticut Open (hard) - Kvitova b. Safarova 67 62 62
Grande Slam US OPEN (hard) - 
                                              PENNETTA b. VINCI 76 62


settembre

Dalian Women's Tennis Open - Zheng b Glushko 26 61 75
Coupe Banque Nationale - Beck b. Ostapenko  62 62
Japan Women's Open Tennis - Wickmayer b. Linette 46 63 63
Guangzhou International Women's Open - Jankovic b.  Allertova 62 60
Korea Open Tennis - Begu b. Sasnovich 63 61
Toray Pan Pacific Open - Radwanska b. Bencic 62 62
Dongfeng Motor Wuhan Open - V. Williams b. Muguruza  63 60
Tashkent Open - Hibino b. Vekic 62 62
                                                                   
                                                                                                                                                  ottobre
China Open - Muguruza b. Bacsinzky  75 64
Generali Ladies Linz - Pavlyuchenkova b. Friedsam  64 63
Prudential Hong Kong Tennis Open - Jankovic b. Kerber 35 76 61
Tianjin Open - Radwanska b. Kovinic 61 62
BGL Luxembourg - Doi b. Barthel 64 67 60
Kremlin Cup - Kuznetsova b. Pavlyuchenkova 62 61
BNP Paribas WTA Finals - Radwanska b. Kvitova 62 46 63



Serena Williams trionfa sul cemento del Western & Southern Open di Cincinnati
Lucie Safarova trionfa sul cemento del Qatar Total Open
Angelique Kerber trionfa sulla terra rossa del Porsche Tennis Grand Prix di Stoccarda
Simona Halep trionfa sul cemento di Indian Wells 

domenica 30 agosto 2015

Kvitova, regina di New Haven

Il trionfo di Petra Kvitova (ph. by Jared Wickerham/Connecticut Open)
Terzo successo del 2015 per la ceca Petra Kvitova (n. 4 WTA) che conquista il Connecticut Open di New Haven superando in rimonta 67 62 62 la connazionale Lucie Safarova. Per la due volte vincitrice di Wimbledon si tratta del terzo successo in quattro anni (2012, 2014-15) nel torneo statuintense.

Lucie Safarova e Petra Kvitova (ph. by Jared Wickerham/Connecticut Open)

mercoledì 26 agosto 2015

ATP World Tour 2015, chi ha vinto cosa

Stan Wawrinka trionfa sulla tera rossa del Roland Garros
Vi sono mancato? Sono stato via da un pezzo e allora, prima di riprendere il discorso sul campo da tennis, vediamo chi ha vinto cosa nel circuito ATP 2015.

di Luca Ferrari



gennaio
ATP 250 Brisbane (hard) - Federer b. Raonic 64 67 64
ATP 250 Chennai (hard) - Wawrinka b. Bedene 63 64
ATP 250 Doha (hard) - Ferrer b. Berdych 64 75
ATP 250 Sydney (hard) - Troicki b. Kukushkin 62 63
ATP 250 Auckland (hard) -Vesely b. Mannarino 63 62
Grande Slam AUSTRALIAN OPEN (hard) -          
                                    DJOKOVIC b. MURRAY 76 67 63 60

febbraio
ATP 250 Montpellier (hard indoor) - Gasquet b. Janowicz 30 rit. 
ATP 250 Quito (clay) - Burgos b. Lopez 62 67 76
ATP 250 Zagabria (hard indoor) - Garcia-Lopez b. Seppi 76 63
ATP 250 Memphis (hard indoor) - Nishikori b. Anderson 64 64
ATP 500 Rotterdam (hard indoor) - Wawrinka b. Berdych 46 63 64
ATP 250 San Paolo (clay) - Cuevas b. Vanni 64 36 76
ATP 250 Delray Beach (hard) - Karlovic b. Young 63 63
ATP 250 Marsiglia (hard indoor) - Simon b. Monfils 64 16 76
ATP 500 Rio de Janeiro (clay) - Ferrer b. Fognini 62 63
ATP 500 Acapulco (hard) - Ferrer b. Nishikori 63 75
ATP 250 Buenos Aires (clay) - Nadal b. Monaco 64 61
ATP 500 Dubai (hard) - Federer b. Djokovic 63 75

marzo

ATP 1000 Indian Wells (hard) - Djokovic b. Federer 63 67 62
ATP 1000 Miami (hard) - Djokovic b. Murray 76 46 60

aprile

ATP 250 Casablanca (clay) - Klizan b. Gimeno-Traver 62 62
ATP 250 Houston (clay) - Sock b. Querrey 76 76
ATP 1000 Monte-Carlo (clay) - Djokovic b. Berdych 75 46 63
ATP 500 Barcellona (clay) - Nishikori b. Andujar 64 64
ATP 250 Bucarest (clay) - Garcia-Lopez b. Vesely 76 76
ATP 250 Estoril (clay) - Gasquet b. Kyrgios 63 62
ATP 250 Istanbul (clay) - Federer b. Cueva 63 76
ATP 250 Monaco (clay) - Murray b. Kohlschreiber 76 57 76

maggio
ATP 1000 Madrid (clay) - Murray b. Nadal 63 62
ATP 1000 Roma (clay) - Djokovic b. Federer 64 63
ATP 250 Ginevra (clay) - Bellucci b. Sousa 76 64
ATP 250 Nizza (clay) - Thiem b. Mayer 67 75 76
Grande Slam ROLAND GARROS (clay) -
                           WAWRINKA b. DJOKOVIC 46 64 63 64


giugno
ATP 250 Hertogenbosch (grass) - Mahut b. Goffin 76 61
ATP 250 Stoccarda (grass) - Nadal b. Troicki 76 63
ATP 500 Halle (grass) - Federer b. Seppi 76 64
ATP 500 Londra (grass) - Murray b. Anderson 63 64
ATP 250 Nottingham (grass) - Istomin b. Querrey 76 76
Grande Slam WIMBLEDON (grass)
                                  DJOKOVIC b. FEDERER 76 67 64 63

luglio
ATP 250 Newport (grass) - Ram b. Karlovic 76 57 76
ATP 250 Bastad (clay) - Paire b. Robredo 76 63
ATP 250 Bogota (hard) - Tomic b.Mannarino 61 36 62
ATP 250 Umago (clay) - Thiem b.Sousa 64 61
ATP 250 Atlanta (hard) - Isner b.Baghdatis 63 63
ATP 250 Gstaad (clay) - Thiem b. Goffin 75 62
ATP 500 Amburgo (clay) - Nadal b.Fognini 75 75

agosto
ATP 250 Kitzbuhel (clay) - Kohlschreiber b. Mathieu 26 62 62
ATP 500 Washington (hard) - Nishikori b. Isner 46 64 64
ATP 1000 Montreal (hard) - Murray b. Djokovic 64 46 63
ATP 1000 Cincinnati (hard) - Federer b. Djokovic 76 63
ATP 250 Winstom-Salem (hard) - Anderson b. Herbert 64 75
Grande Slam US Open (hard) - 
                                  DJOKOVIC b. FEDERER 64 57 64 64

settembre

ATP 250 Metz (hard) - Tsonga b.
ATP 250 San Pietroburgo (hard) - Raonic b.
ATP 250 Kuala Lampur (hard) - Ferrer b. 
ATP 250 Shenzhen (hard) - Berdych b.Garcia-Lopez 63 76

ottobre
ATP 500 Beijing (hard) - Djokovic b. Nadal 62 62
ATP 500 Tokyo (hard) - Wawrinka b. Paire 62 64
ATP 1000 Shanghai (hard) - Djokovic b.Tsonga 62 64
ATP 250 Stoccolma (hard indoor) - Berdych b. Sock 76 62
ATP 500 Vienna (hard indoor ) - Ferrer b. Johnson 46 64 75
ATP 250 Mosca (hard indoor ) - Cilic b.Bautista Augut 64 64
ATP 250 Valencia (hard indoor ) - Sousa b. Bautista Augut 36 63 64
ATP 250 Basilea (hard indoor ) - Federer b. Nadal 63 57 63

novembre

ATP 1000 Parigi (hard indoor)  ?

ATP World Tour Finals (Londra, hard indoor) ?

Andy Murray trionfa sull'erba londinese del Queens
Novak Djokovic trionfa sulla tera rossa di Roma
Roger Federer trionfa sul cemento di Cincinnati

martedì 25 agosto 2015

Cookie policy

In ottemperanza alla direttiva del Garante della Privacy vogliamo informarvi che:

Il Garante della Privacy, con il Provvedimento per la protezione dei dati personali n.229/2014, ha creato una direttiva a livello europeo che impone agli amministratori dei siti web/blog di spiegare e informare i visitatori su quale sia la politica dei cookie del sito web che stanno visitando, e di richiedere l'accettazione proseguendo nella navigazione.

Back in Net” utilizza la piattaforma Blogger che appartiene al gruppo Google, e come da legge sono presenti l'informativa generica e una più specifica sull'utilizzo dei cookie su questo sito.

INFO: Che cosa sono i cookie?

Un cookie è una piccola stringa di testo che un sito registra sul browser, e che serve per memorizzare informazioni specifiche sugli utenti. Questi cookie vengono utilizzati da un sito per ricordare l'utente e ottimizzare la navigazione sui siti già visitati in precedenza. Inoltre vengono anche usati per compilare statistiche anonime aggregate che consentono di capire come le persone usano i siti e per aiutare a migliorare la struttura ed i contenuti. Pur ricevendo tali informazioni i cookie non permettono l'identificazione individuale dell'utente.

Ci sono diversi tipi di Cookie:

-Indispensabili: utili per la navigazione nel sito web.

-Tecnici: sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1 del Codice).

Tali cookie possono essere suddivisi in: cookie di navigazione o di sessione, cookie analytics, cookie di funzionalità.

Per l’installazione dei cookie di navigazione o di sessione e di funzionalità non è richiesto il preventivo consenso degli utenti.

Per quanto riguarda invece i cookie analytics (attualmente disattivati) si evidenzia che non necessitano di consenso solo se di natura statistica e utilizzati all’interno del sito del gestore.

- Profilazione: "sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso”.

Per l'installazione dei cookie tecnici non è richiesto alcun tipo di consenso, mentre i cookie di profilazione possono essere installati dall'utente previa accettazione delle condizioni generali e dopo essere stato informato.

Infatti, il Garante per la Privacy ha stabilito che nel momento in cui l'utente accede a un sito web deve comparire un banner, o come qui sul blogger una stringa in alto, con una breve informativa (estendibile attraverso un link) e la richiesta del consenso.

L’utente può bloccare o limitare la ricezione di cookies attraverso le opzioni del proprio browser.

Su Internet Explorer, cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni Internet”. Infine accedere alle impostazioni della scheda “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.

Su Firefox, cliccare sulla voce “Strumenti” della Barra dei menù e poi sulla sottovoce “Opzioni”. Infine accedere alle impostazioni della voce “Privacy” per modificare le preferenze relative ai cookies.

Su Chrome, digitare “chrome://settings/content” nella barra degli indirizzi (senza virgolette) e modificare le impostazioni relative ai cookies come si desidera.

Su Safari, selezionare la voce “Preferenze” e poi scegliere “Privacy”. Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.

Se si usa Safari su dispositivi portatili, come iPhone e iPad, è necessario invece agire in questo modo: andare sulla voce “impostazioni” del dispositivo e in seguito trovare “Safari” sul menù di sinistra. Da qui, alla voce “Privacy e sicurezza”, sarà possibile gestire le opzioni sui Cookie.

Per disabilitare i cookie di servizi esterni è necessario agire sulle loro impostazioni:

Quali cookie utilizza questo blog?

In particolare sono presenti file di log che registrano la cronologia delle operazioni insieme a indirizzi IP, tipo di browser, Internet Service Provider, data, ora, pagina di ingresso e uscita e il numero di clic. Tutto questo per amministrare il sito, monitorare il movimento dell’utente dentro il sito e raccogliere dati demografici, indirizzi IP e altre informazioni.
Tali dati non sono riconducibili in alcun modo all’identità dell’utente.

Il sito e il suo amministratore non hanno alcun controllo sui cookie che vengono utilizzati da terze parti quindi per approfondire il tema si consiglia di consultare le politiche della privacy di queste terze parti. È possibile disabilitare i cookie direttamente dal proprio browser.

Su questo blog hanno accesso i seguenti server di terze parti:

- Facebook

- Google +

- Google friend connect

- Twitter

- YouTube


Modulo dei commenti

La piattaforma di Blogger permette di commentare solo ad utenti iscritti su siti di terzi, a seconda del quale state utilizzando vi invitiamo a leggere le loro rispettive privacy policy:
- AIM
- LiveJournal
- Typepad
- Wordpress


Utilizzando il presente blog, dichiari di essere d’accordo con l’elaborazione dei tuoi dati da parte di Google, ottenuti nel modo e per lo scopo indicati.


inoltre,

Privacy.

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail oltre a un nome.

Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e i dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog, in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima.

Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy.

Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, contattatemi pure. Saranno immediatamente rimossi. L’autore del blog non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.


Informativa Privacy Blog

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere la notifica di pubblicazione di un post. Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome, che possono anche non essere pubblicati insieme al commento postato dall’utente, mentre l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito.

Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e i dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog, in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima.

Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003.


ADV

Questo sito non fa uso di nessun tipo di pubblicità (banner e google adwords ecc).

lunedì 9 febbraio 2015

Kristina Mladenovic umilia l'Italia FedCuppiana

Fed Cup, Italy vs. France – Kristina Mladenovic in azione © Ray Giubilo
Mladeno-chi?!? Nella seconda giornata di Fed Cup della sfida Italia-Francia la tennista d'oltralpe Kristina Mladenovic è stata dir poco straripante.

di Luca Ferrari, ferrariluca@hotmail.it
giornalista/fotoreporter - web writer

Elegante. Potente. Un crescendo di autostima condensato in poche ore. Ma soprattutto, in principio una riserva. Titolare quasi per disperazione (del coach). Non se la scorderanno per un pezzo nel Bel paese la francese Kristina Mladenovic, autentica rivelazione della sfida italo-francese di Fed Cup. Una tennista che per quello che ha fatto vedere in campo, potrebbe diventare un'ospite fissa della top ten.

Genova, 7-8 febbraio 2015. La terra rossa del 105 Stadium ospita la sfida di quarti di finale di Fed Cup tra Italia e Francia. Dopo la prima giornata, in virtù delle vittorie di Sara Errani contro Caroline Garcia 76 75 e Camila Giorgi contro Alize Cornet 64 62, la squadra di casa è in vantaggio 2-0, a un passo dunque dal superamento del turno. L'ex-numero 1 del mondo Amelie Mauresmo, oggi capitano della squadra francese, opta allora per un cambio.

Nella prima sfida della domenica, ad affrontare la numero uno italiana Sara Errani (n. 13 WTA), finalista al Roland Garros 2012, non c'è la Cornet ma Kristina Mladenovic, numero 74 del mondo in singolare. Il pronostico ovviamente è tutto a favore dell'italiana e invece a trionfare è stata la giovane tennista di origine serba, superiore sotto ogni punto di vista.

Kristina Mladenovic ha vinto appena un torneo in carriera (il poco importante WTA 125 Ladies Open di Taipei) e nelle quattro prove del Grande Slam non si è mai spinta oltre il 3° turno, raggiunto in due occasioni: US Open 2012 e lo scorso anno al Roland Garros. Sulla carta dunque, alla luce anche della sua poca esperienza, Sara Errani si sarebbe dovuta letteralmente mangiare la ventunenne di Saint-Pol-sur-Mer. Non è stato così.

Kristina ha superato Sara per 64 63, allungando così la sfida Italia-Francia alla quarta partita, con la squadra di casa “alle prese” con un secondo match point. La giovane Camila Giorgi però ha fallito, mostrando ancora una volta il suo “mal da terzo set”. Dopo essersi aggiudicata la prima partita 6-4 contro Caroline Garcia, quest'ultima le ha concesso 2 soli game nei due successivi set.

Sul due pari toccava dunque al doppio decidere quale squadra avrebbe guadagnato la semifinale. Anche in questo caso, sulla carta, non ci sarebbe dovuta essere partita. All'angolo azzurro le leader della specialità vincitrici insieme di tutte e quattro le prove del Grande Slam. All'angolo d'oltralpe invece, una coppia messa insieme più dalla necessità. Il risultato? A dir poco imbarazzante. 62 61 per Mladenovic/Garzia.

La coppia francese è sembrata di un'altra categoria rispetto alle “numero 1 del mondo”. Kristina Mladenovic e Caroline Garcia sferravano colpi potenti e pregevoli volee. Sara Errani e Roberta Vinci sono state in balia delle loro avversarie fin da principio. Deboli. Senza la capacità di pensare/trovare soluzioni. A tratti quasi dilettantesche, in particolar modo di fronte alla Mladenovic che verso la fine del match non è stata “quasi più capace” di sbagliare un punto. Degno epilogo, l'ace finale di Kristina. Les jeux sont faits. Au revoir, Italie!

Il Match point per Mladenovic-Garcia... e la festa

Fed Cup, Italy vs. France – Amelie Mauresmo abbraccia Kristina Mladenovic © Ray Giubilo
Fed Cup, Italy vs. France – Kristina Mladenovic e Caroline Garcia © Ray Giubilo
Fed Cup, Italy vs. France – Kristina Mladenovic e Caroline Garcia © Ray Giubilo
Fed Cup, Italy vs. France – il capitano Amelie Mauresmo
abbraccia Caroline Garcia e Kristina Mladenovic © Ray Giubilo

venerdì 6 febbraio 2015

La trionfale campagna australiana di Nole e Serena

Australian Open 2015, i vincitori Serena Williams e Novak Djokovic
Sul cemento degli Australian Open, prima prova stagionale del Grande Slam, si sono imposti gli indiscussi numeri uno Novak Djokovic e Serena Williams.

di Luca Ferrari, ferrariluca@hotmail.it
giornalista/fotoreporter - web writer

Hanno vinto loro, tanto per cambiare. I due leader del tennis mondiale hanno cominciato il nuovo anno come meglio non si potrebbe. Conquistando il primo grande torneo che conta, gli Australian Open. Novak Djokovic per la 5° volta in carriera (terzo titolo negli ultimi quattro anni) e Serena Williams per la sesta, toccando quota 19 prove del Grande Slam.

La potente statunitense fa storia a sé. Quando è in forma non ha rivali. Passano gli anni ma al momento questo leitmotiv non cambia. Non è stata la solita schiacciasassi ma quando c'era da stringere i denti, reagire e vincere, lo ha fatto, e in modo dirompente. Al 3° e 4° turno ha dovuto rimontare prima contro l'ucraina Svitolina (lasciandole due soli game nel resto del match), poi è stata la volta della spagnola Muguruza finire nel suo vortice di bolidi a tutto campo.

“Passata è la tempesta, odo Serena far festa”. E così è stato. Nel resto del torneo la statunitense non ha più concesso nemmeno un set. Nei quarti ha rifilato un doppio 62 alla finalista della passata edizione, la bulgara Dominika Cibulkova. In semifinale si sbarazzata dell'arrembante connazionale Madison Keys 76 62, quindi in finale ha incrociato la racchetta con la sua unica degna rivale, la russa Maria Sharapova, superata 63 76. Serena Williams è la più forte. Punto e basta.

Discorso differente per Novak Djokovic. A inizio torneo gli occhi erano tutti su Roger Federer, vincitore lo scorso novembre della sua prima Coppa Davis e dato in forma smagliante sebbene a secco in Slam dall'ormai lontano Wimbledon 2012. E invece l'avventura australiana dell'elvetico si è fermata al 3° turno per mano di un sorprendente Andreas Seppi, che ha poi sprecato l'occasione di giocarsi i quarti di finale contro Murray perdendo contro il beniamino di casa, l'imprevedibile “aussie” Nick Kyrgios.

Nole intanto avanzava senza lasciare nemmeno un set nei primi quattro turni. Spazzato  via pure in tre set lo spilungone dal servizio incandescente (ma debole nel resto) Raonic, in semifinale è andato in scena il revival della sfida di quarti di finale 2014, quando contro pronostico lo svizzero Stan Wawrinka eliminò il serbo in cinque set. Analoga maratona nel 2015 ma dal verdetto opposto, con un Djokovic in forma poderosa e capace di chiudere la quinta e decisiva partita per 6-0 dopo aver perso il quarto, e dunque in possibile deficit psicologico.

Già, la testa. Novak potrà anche attraversare giornate storte dove il suo rovescio bimane non va come dovrebbe e il servizio magari non è così incisivo come è abituato a sparare, ma lì dove il fisico non arriva, ci pensa la mente. E sotto questo aspetto nessuno è forte quanto il tennista di Belgrado. E da un pezzo.

In finale ha ritrovato lo scozzese Andy Murray con il quale era in perfetta parità sul fronte dell'ultimo atto di uno Slam. Sconfitte agli US Open 2012 e Wimbledon 2013, vittorie agli Australian Open 2011 e 2013. Il cemento di Melbourne però è proprietà privata e pur con qualche problema di crampi, Nole non ha dato scampo al suo avversario, chiudendo in quattro set, ultimo dei quali per 60.

Dopo la consacrazione del 2011 con tre prove del Grande Slam su quattro vinte, a partire dall'anno successivo Novak Djokovic non ne mai conquistata più di una per stagione (Australian Open nel biennio 2012-13, Wimbledon l'anno scorso e ora gli Australian Open). La sua leadership però non è affatto in discussione. Nuovi pretendenti al trono non se ne vedono mentre tra i suoi storici rivali Federer avrà sempre meno fiato per reggere sfide al meglio dei cinque set, Murray è ancora un incompiuto e Nadal al momento è un'incognita.

Passate anche queste notti d'Australia, per il Djoker potrebbe essere l'anno giusto per centrare il solo grande titolo mancante, quel Roland Garros sfuggitogli già in due finali (2012, '14) causa “fatal mano mancina” di Rafa.

Australian Open '15, la finale Sharapova vs S. Williams

la numero 1 del mondo, Serena Williams
il numero 1 del mondo, Novak Djokovic

venerdì 30 gennaio 2015

Djokovic e Wawrinka, due grandi campioni

Australian Open, il saluto tra Djokovic e Wawrinka a fine match
Qualità, correttezza e potenza. Nella seconda semifinale degli Australian Open '15, Stan Wawrinka e Novak Djokjovic hanno dato vita a cinque memorabili set.

di Luca Ferrari, ferrariluca@hotmail.it
giornalista/fotoreporter - web writer

Due grandi campioni. Due sontuosi atleti. Chiunque abbia avuto la fortuna di assistere alla loro sfida australiana ne avrà da raccontare. Le mani gli faranno ancora male per gli applausi che avrà rivolto a entrambi. Il campione uscente degli Australian Open, lo svizzero Stanislas Wawrinka e il numero 1 del mondo Novak Djokjovic, hanno dato vita a una epica semifinale conclusasi al 5° set. Una partita che resterà negli annali per intensità, qualità e non di meno correttezza.

Se i primi due set (1° e 3°) vinti da Djokovic hanno avuto come epilogo degli errori grossolani di Stan, il 2° e 4° set sono state due autentiche prove di forza da parte dello svizzero che ha messo all'angolo il pluri-campione serbo non solo sul fronte dei colpi ma, ed è notevole, su quello mentale. Un terreno questo dove il Djoker ha davvero pochi rivali al mondo (e non solo nel tennis).

Nella scorsa edizione i due tennisti avevano incrociato le racchette ai quarti di finale, con Stan che contro pronostico s'impose su Nole dopo una maratona conclusasi 9-7 al quinto set. Anche allora Djokovic aveva vinto il primo set (6-2) e aveva perso il secondo (4-6). Ruoli invertiti nei due successivi con lo svizzero che avanza 6-2 e il serbo che pareggia con un 63, quindi l'epilogo vittorioso per l'elvetico che si aggiudicherà il torneo prima superando Berdych in semifinale quindi Nadal, entrambi in quattro set.

La maratona del 2015 ha visto Djokovic imporsi in un modo incredibile. Cedendo il quarto set e ricompattandosi in un modo straordinario. E si, ha forse troppo dominato il quinto set ma il risultato (6-0) è bugiardo. Stan non ha ceduto. Ha lottato sempre e comunque. In semifinale agli Australian Open 2015 Stan Wawrinka ha perso da campione contro un campione. In semifinale agli Australian Open 2015 Novak Djokjovic ha vinto da campione contro un campione.

Australian Open '15, highlights della sfida Novak-Stan

Australian Open - Novak Djokovic vs. Stan Wawrinka
Australian Open - Stan Wawrinka durante la sfida contro Novak Djokovic
Australian Open - Novak Djokovic vs. Stan Wawrinka
Australian Open - coach Boris Becker incoraggia Novak Djokovic
Australian Open - Novak Djokovic vs. Stan Wawrinka
Australian Open - Novak Djokovic durante la sfida contro Stan Wawrinka
Australian Open - Novak Djokovic durante la sfida contro Wawrinka
Australian Open - Djokovic ha appenna vinto la sfida contro Wawrinka

giovedì 29 gennaio 2015

Storie di notti d’Australia(n open)

live Australian Open 2015
Dentro le notti veneziane di Melbourne. Dall’adolescenziale ripasso scolastico con Edberg e Seles all’odierno giornalismo online con Sharapova e Djokovic.

di Luca Ferrari

Perché mai un quindicenne dovrebbe svegliarsi all’una di notte, tirare dritto fino “all’ora di alzarsi” e poi farsi cinque ore di scuola filate magari pure con compito in classe? La risposta è semplice: per vedersi gli Australian Open in diretta. E visto che le partite sono lunghe e di tempo ce n’è a sufficienza, si può anche approfittarne per ripassare qualcosa o finire di tradurre una versione mal digerita il giorno prima.

Perché mai un lavoratore dovrebbe anticipare il risveglio mattutino di qualche ora quando la maggioranza dei suoi colleghi è lì a rimuginare a occhi chiusi su chissà quale scoop mancato? Semplice, scrivere qualcosa di speciale e twittare a più non posso dinnanzi ai campioni della racchetta impegnati nella prima prova del Grande Slam, gli Australian Open.

Passano gli anni ma il richiamo del campo è una sirena dolcemente tentatrice. E se qui, nel nordest italiano, fa freddo. Lì, ben al di sotto dell’equatore nel continente oceanico, c'è un caldo da svenire. L’emozione però è la stessa. Ci si piazza la sveglia all’una-due di notte. Si fa il meno chiasso possibile. Si accende il proprio laptop, ci si collega  a internet. Si calzano le cuffie e vai di passante, servizio o quello che è.

Sono ancora lontane le atmosfere quasi estive degli Internazionali di Roma o la velocità (oggi più blanda) della nobile erba di Wimbledon. Tutto è appena cominciato nel nuovo anno. Ora non ha più importanza ciò che è stato fatto nel 2014. Il presente è già arrivato e si fa subito sul serio. Chiunque sia il più forte lo deve dimostrare al mondo, australiano e non. Nella peggiore delle ipotesi si potrà riprovare l’anno prossimo.

Non posso dire con esattezza quale fu il primo match che vidi nel silenzio delle tenebre. Posso affermare con certezza che stavo frequentando le scuole superiori e vivevo a casa con i miei genitori. Aggiungiamoci pure il fatto che sognavo di diventare un grande tennista, ero un fan del serve and volley, e si può procedere oltre. C’erano tutti gli ingredienti per fare due settimane di levatacce. Di scrivere di tennis all'epoca non ci pensavo proprio. Mondo complesso quella della penna, scoperto per vie a dir poco impervie.

È passato parecchio tempo da quelle prime volte, e allora oggi posso aggiornare le lancette dell’orologio. Eccomi, sono le del 4.36 del mattino di giovedì 29 gennaio 2015. In campo c’è il derby russo tra Ekaterina Makarova e la favorita Maria Sharapova; chi vince va in finale dove troverà la vincente tra le americane Madison Keys e Serena Williams. La giornata si chiuderà poi con la prima semifinale maschile che vedrà in campo Tomas Berdych contro Andy Murray.

Oggi guardo il tennis sul computer portatile. Quando ho cominciato ce l’avrà avuto al massimo qualche super-mega riccone. Vent'anni e più fa, una volta sveglio, non accendevo alcuna luce. Il libro di testo sottolineato si faceva nitido con il solo televisore acceso. Nessun audio. Un delitto questo, considerato che a commentare c’era il triumvirato delle meraviglie Rino Tommasi, Ubaldo Scannagatta e Gianni Clerici, con talvolta l’aggiunta di Roberto Lombardi.

E che rabbia quando per due anni di fila dovetti assistere al trionfo del possente “Big” Jim Courier che affossò le velleità dell’attaccante Stefan Edberg, deciso a riprendersi lo scettro di numero 1. O che soddisfazione nel vedere la giovanissima Monica Seles diventare per la prima volta regina d'Australia superando in finale Jana Novotna, e di lì cominciare la sua  implacabile cavalcata verso la prima posizione del ranking WTA ai danni di Steffi Graf.

Esco un attimo dal mio corpo. Sono certo che da qualche parte ci sia qualche ragazzino/a entusiasta per questo sport che sta rinunciando ai sogni indotti dall’inconscio per alimentare il proprio traguardo. Ora ci sono davanti. No, non prendere paura. Non sono una visione. Sono reale esattamente quanto quei campioni dentro lo schermo. Non sono qui per dirti che tra qualche anno solleverai uno di questi trofei, quello dipenderà solo da te, ma posso dirti quello che non dovrai mai fare: arrenderti.

Vivrai molti dolori, ti sentirai abbandonato/a e sarai tentato/a di prendere le più blande scorciatoie. Cadrai e ti succederà ancora. Guarda in faccia allora il tuo sangue. Stringilo nei tuoi occhi, poi alzati e colpisci. La palla da tennis come la vita. Stringi la tua racchetta, confida nella tua mera forza. Avanza ogni giorno a dispetto del ghiaccio friabile sotto di te. Dì il tuo nome ad alta voce e poi fai un salto dentro il cielo. È tutto reale. Tocca a te.

Australian Open 2015 - una fan di Novak Djokovic
Australian Open 2015 - un esausto Milos Raonic
Australian Open 2015 - la sfda odierna tra Sharapova (al servizio) e Makarova